Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘educazione ambientale’ Category

Per i mesi estivi moltissimi gli appuntamenti promossi da Sofidel nelle Oasi WWF di tutta Italia: da vivere nelle ore più misteriose del giorno, ma non solo – Roma, 20 luglio 2022.

Gufi, pipistrelli, lupi, stelle cadenti, oasi al tramonto… avete mai pensato di addentrarvi in una riserva naturale al calar del sole o, addirittura, di notte? Se vi affascina l’idea di vivere un’esperienza suggestiva in natura e fuori dai soliti orari, l’occasione speciale arriva con le Oasi by Night con Sofidel, una serie di attività in notturna comprese tra i numerosi appuntamenti organizzati in 15 Oasi WWF nei mesi estivi per festeggiare i 15 anni di collaborazione tra Sofidel, gruppo cartario tra i leader mondiali nella produzione di carta per uso igienico e domestico, noto in particolare in Italia e in Europa per il brand Regina, e WWF Italia. Gli eventi estivi nelle Oasi WWF fanno parte di ReNature Italy per rigenerare la natura d’Italia, il progetto di WWF, a cui Sofidel aderisce sostenendo direttamente 15 Oasi WWF in Italia, nato con l’obiettivo di tutelare e rigenerare il capitale naturale del nostro Paese, invertire la perdita di biodiversità e favorire la coesistenza tra uomo e natura, a beneficio delle generazioni attuali e future. Nel ricco calendario di attività, quelle in notturna si preannunciano tra le più affascinanti e particolari…

Oasi Guardiaregia-Campochiaro (prov. Campobasso) – Sabato 23 luglio “Sulle tracce del Lupo – Wolf Howling Night”: Un evento serale di wolf howling in Oasi, guidati da un naturalista esperto di lupi, per conoscere il mondo di questa specie animale all’interno del loro habitat e ascoltarne il meraviglioso ululato.

Oasi Gole del Sagittario (prov. L’Aquila) – Sabato 23 luglio “Cosa mangiano i gufi?”: Un evento pomeridiano dedicato ai bambini alla scoperta del gufo, tra i più importanti e affascinanti rapaci notturni. L’attività permetterà di scoprire tutto su questi maestosi volatili, in particolare di cosa sono ghiotti e come riescono a mangiare nel buio della notte.

Oasi di Ghirardi (prov. Parma) – Venerdì 12 agosto “Le Lacrime di San Lorenzo”: Un’esperienza unica nella notte delle Esperidi, la nube di polveri e detriti cosmici attraversata ogni anno dall’orbita terrestre, che dà origine alla pioggia di meteore o, più poeticamente, stelle cadenti. Sdraiati sul prato accanto al centro visite, si potrà osservare insieme agli esperti il fenomeno nel giorno di massima intensità. Si potranno inoltre osservare i pianeti attraverso il telescopio messo a disposizione.

Venerdì 27 agosto “Voli nella Notte”: Visita guidata naturalistica in occasione della Giornata Mondiale dei Pipistrelli, alla scoperta degli abitanti segreti delle notti estive: falene e pipistrelli. Con l’aiuto di strumenti come lampade a luce ultravioletta e bat-detector, si andrà alla ricerca di questi due gruppi di animali, prede e predatori, per scoprire come l’evoluzione li ha resi adatti a cacciarsi e sfuggirsi, nel segreto delle tenebre. Verrà inoltre illustrato come aiutare la ricerca scientifica, segnalando le proprie osservazioni attraverso l’app iNaturalist.

Oasi di Alviano (prov. Terni) – Nei primi giorni di settembre “In oasi al tramonto”: Una bellissima serata per godere al meglio la bellezza della natura alla fine dell’estate: una passeggiata in Oasi al tramonto, con cena conviviale e osservazione delle stelle.

Oltre a queste, le altre Oasi WWF di cui Sofidel si prende direttamente cura e in cui si svolgeranno gli altri appuntamenti estivi sono..

Oasi di Valtrigona (Trento)

Oasi di Vanzago (Milano)

Oasi di Valpredina (Bergamo)

Oasi di Valmanera (Asti)

Oasi di Montovolo (Bologna)

Oasi Bosco Rocconi (Grosseto)

Oasi di Macchiagrande (Roma)

Oasi di San Silvestro (Caserta)

Oasi Cratere degli Astroni (Napoli)

Oasi Grotte Bussento (Salerno)

Oasi Monte Arcosu (Cagliari).

Tanti appuntamenti per un viaggio alla scoperta dell’Italia attraverso le bellezze naturali dei suoi territori. Cerca l’Oasi WWF più vicina a te per scoprire tutti gli eventi in programma!

Scopri di più sul sito del WWFhttps://www.wwf.it/pandanews/ambiente/la-oasi-by-night-con-sofidel/.

Note per i redattori – ReNature Italy rientra nella collaborazione che Sofidel ha intrapreso con WWF Italia ed è il progetto multistakeholder di WWF Italia a cui aderisce Sofidel. L’obiettivo è sfidare la perdita di biodiversità, favorire la coesistenza tra uomo e natura e sensibilizzare sull’importanza della tutela del capitale naturale.

Protect & Restore: ReNature Italy prevede il raggiungimento del 30% della superficie terrestre e marina efficacemente protetta, con un 10% di territorio a protezione integrale. e il ripristino di almeno il 15% degli habitat danneggiati del territorio italiano. Questa opera di recupero e salvaguardia richiede l’istituzione di nuove aree protette e il miglioramento di quelle attuali. Il reinserimento e la conservazione di specie chiave come lupo, orso bruno marsicano e lontra, fattore indispensabile per la biodiversità, diventa un passaggio essenziale per restituire alla natura il suo valore.

 Sofidel e Regina: Con ReNature Italy, Sofidel coglie questa sfida come una grande opportunità per creare un futuro sostenibile e a misura di natura. A partire da maggio 2022, sui pack dei prodotti a marchio Regina è presente il badge di collaborazione per sensibilizzare rispetto alla necessità di rigenerare il capitale naturale, garanzia di un futuro migliore.

Il sostegno a ReNature Italy fa parte de #LaNostraCartaMigliore, l’insieme di iniziative di Sofidel volte a costruire un futuro migliore per le nuove generazioni.

Per saperne di più https://www.wwf.it/cosa-facciamo/campagne/renature-italy/.

Read Full Post »

AL VIA IL PROGETTO CON LA FIRMA DEL PROTOCOLLO D’INTESA TRA WWF E USB. La formazione si svolgerà in presenza e online sulla piattaforma One Planet SchoolRoma, 15 luglio 2022

Al via il protocollo d’intesa del progetto “Giovani volontari protagonisti del cambiamento “: è stato sottoscritto il protocollo d’intesa da Mario Parrella, Amministratore delegato della web company USB SRL – Universal Site Business – e Francesco Marino, Presidente del WWF Napoli. Il progetto che si svolgerà in presenza e online, sulla piattaforma WWF One Planet School, si svolgerà in due fasi. Nella prima fase è prevista una serie di seminari e workshop informativi per nuove figure professionali nell’ambito del Green Job e per poter aumentare il livello di consapevolezza. La seconda fase, invece, prevede che i due migliori corsisti svolgeranno uno stage retribuito presso USB e svolgeranno attività a supporto delle attività del WWF Napoli. La prima fase, della durata di circa 3 mesi, in presenza e da remoto, si svolgerà presso la sala riunione di USB e presso le Oasi WWF Campania. Il WWF esporrà temi quali la propria mission, l’organizzazione, le Oasi i progetti e le campagne. Sono previste anche testimonianze di imprese, enti e altre associazioni.

USB – Web Company specializzata in siti web, e-commerce, social media marketing, curerà i moduli su Comunicazione digitale, Scrittura creativa, Grafica digitale, Social Media. Il regolamento, le condizioni generali di partecipazione e il programma saranno pubblicati sulle pagine social del WWF Napoli e qui. https://www.universalsitebusiness.com/.L’iniziativa è riservata a laureandi, laureati e diplomati di scuole secondarie di secondo grado con formazione in ambito tecnico scientifico residenti in Campania. Il corso partirà nel mese di ottobre in occasione dell’iniziativa del WWF Italia Urban Nature e sarà certificato dal WWF Italia, Ente riconosciuto dal Ministero dell’Istruzione.

Read Full Post »

MOFFE 2022

Read Full Post »

Roma, 6 giugno 2022 – L’estate è ormai alle porte ed è questo il momento in cui la maggior parte delle persone sta decidendo cosa fare per le vacanze. Tra le tante destinazioni possibili ce n’è una che arriva direttamente dal cuore dell’Abruzzo: i campi WWF dedicati alla famiglia per la salvaguardia dell’Orso bruno marsicano. A partire dal mese di agosto saranno quattro i campi estivi nelle terre dell’Orso organizzati nell’ambito della campagna Orso 2×50 lanciata dal WWF in collaborazione con la Riserva Naturale Regionale e Oasi WWF “Gole del Sagittario” e il Comune di Anversa degli Abruzzi (AQ). Le famiglie partecipanti potranno vivere un’esperienza a contatto con la natura e nello stesso tempo contribuire alle tante iniziative in difesa dell’Orso, dalle attività di conservazione a quelle di comunicazione e sensibilizzazione. “I campi di volontariato WWF sono occasioni uniche per trascorrere momenti straordinari, non solo di svago e di contatto con persone che condividono le stesse passioni, ma anche di azioni concrete per la natura”, dichiara Filomena Ricci, delegata del WWF Abruzzo. “Accompagnati dalla nostra guida esperta, Vanessa Ponziani, le famiglie potranno contribuire al progetto di salvaguardia dell’Orso bruno marsicano in Abruzzo, diventando per 5 giorni Volontari per l’Orso: conoscere, sensibilizzare, proteggere, scoprire… sono tante le attività programmate per rendere il soggiorno non solo piacevole, ma anche interessante dal punto di vista della conoscenza e della tutela ambientale. Il tutto immersi in una delle Oasi WWF più belle d’Italia”. “L’Orso bruno marsicano presente in Appennino centrale è una sottospecie a rischio” racconta Sefora Inzaghi, direttrice della Riserva delle Gole del Sagittario. “Oggi se ne contano circa 50-60 individui grazie all’impegno che da sempre le Aree Protette e le associazioni ambientaliste hanno investito per la salvaguardia di questo animale, ma per garantire a questa popolazione unica al mondo di accrescersi ed espandersi verso nuovi territori, è necessario l’aiuto di ognuno di noi: conoscenza, consapevolezza e condivisione sono sicuramente le 3 C per accompagnare in modo responsabile questo processo”. Il campo WWF nelle terre dell’Orso vuole rappresentare un’esperienza formativa alternativa attraverso la quale vivere concretamente non solo l’impegno civile a favore di questa specie, ma anche conoscere nuove realtà e visitare luoghi meravigliosi, il tutto condito dal piacere di farlo assieme alla propria famiglia. Sono aperte le iscrizioni. Di seguito si indicano le date dei quattro turni dei campi: 3 – 7 agosto ; 8 – 12 agosto ; 17 – 21 agosto ; 21 – 25 agosto. I campi avranno come sede la Riserva Naturale Regionale e Oasi WWF “Gole del Sagittario”, nel comune di Anversa degli Abruzzi. Per info costi e prenotazione scrivere a  campifamigliewwforso@gmail.com o chiamare il numero 388-8368340 (anche utilizzando messaggi WhatsApp). 

Read Full Post »

A Roma il secondo degli 8 workshop nelle Università italiane previste dal progetto Ri-Party-Amo, nato dalla collaborazione tra il Jova Beach Party, Intesa Sanpaolo e WWF Italia. Prosegue il calendario delle attività per formare i giovani sulle tematiche ambientali che continuerà con iniziative nelle scuole italiane, con oltre 100.000 studenti coinvolti in programmi didattici. L’obiettivo è rendere i giovani, le scuole, le famiglie, le aziende e intere comunità, protagonisti della cura e del restauro della natura del nostro Paese. Roma, 1 giugno 2022

Cartella – https://www.dropbox.com/sh/xij3qo0hxi4dg1z/AABl7MUmwSLzkh1i-oq-zkT_a?dl=0.

Dopo il lancio avvenuto presso l’Università di Milano Bicocca, prosegue da Roma il calendario degli 8 Workshop nelle Università legati al progetto RI-PARTY-AMO, il programma ambientale concreto e ambizioso nato dalla collaborazione tra il Jova Beach Party, Intesa Sanpaolo e WWF Italia. Il progetto Ri-Party-Amo è articolato in tre principali pilastri: parte dalla pulizia delle spiagge, passa per progetti di ricostruzione naturale e si completa con attività di educazione, sia nelle università sia nelle scuole, che coinvolgeranno le generazioni più giovani. Grazie ad una grande campagna di raccolta fondi ancora attiva sulla piattaforma di crowdfunding For Funding di Intesa Sanpaolo (ForFunding.it/Ripartyamo), ad oggi ha raccolto circa 3 milioni di euro che saranno utilizzati per pulire 20 milioni di metri quadri di spiagge, laghi, fiumi e fondali; per realizzare 6 progetti di ripristino degli habitat; per organizzare 8 incontri nelle università italiane e numerosi workshop nelle scuole capaci di coinvolgere un totale di 100.ooo studenti.

Lunedì 6 giugno presso l’Aula Magna del Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Roma Tre si svolgerà il secondo degli 8 Workshop previsti nelle Università italiane. Gli studenti saranno coinvolti in workshop multidisciplinari e pratici sulle tematiche ambientali per confrontarsi con gli esperti e i volontari coinvolti nel progetto. Ogni incontro è pensato con una struttura dinamica, interattiva e coinvolgente: l’autorevole voce di professori universitari ed esperti farà da guida con lezioni teoriche seguite da applicazioni pratiche, al fine di promuovere una discussione attiva e la massima disseminazione delle conoscenze interdisciplinari necessarie per affrontare la complessità del presente. Il workshop dal titolo “Valuing Nature” si occuperà di mettere in evidenza come solo attraverso la combinazione di molteplici competenze, trasversali sui diversi ambiti disciplinari, sarà possibile garantire la piena salvaguardia delle risorse naturali in un’ottica di sostenibilità. Per questo, il workshop, accessibile agli studenti di qualsiasi disciplina, promuove l’acquisizione degli strumenti più efficaci per comprendere come debba essere valorizzata e ripristinata l’immensa ricchezza nella quale siamo immersi. Valuing Nature risulta essere di particolare rilevanza in un momento di crisi come l’attuale in cui riconoscere e valorizzare l’importanza della natura e dei servizi che fornisce gratuitamente è sempre più essenziale per (ri)costruire basi più solide per il futuro. Il tema sarà sviluppato grazie agli interventi dei Professori e relatori coinvolti:

Prof. Giovanni Longobardi, Professore in Composizione architettonica e urbana, Direttore del Dipartimento di Architettura, Università Roma Tre.

Prof.ssa Chiara Tonelli – delegata del Rettore per la «Sostenibilità ambientale» dell’Ateneo; Titolare presso il Dipartimento di Architettura, Università Roma Tre, dei corsi: AGENDA 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile: costruire e abitare le città di domani e Tecnologia dell’Architettura.

Prof.ssa Annalisa Metta – professore associato in Architettura del Paesaggio presso il Dipartimento di Architettura, Università degli studi Roma Tre.

Prof. Andrea Filpa, Professore in Territorio, Ambiente e Paesaggio: Contesti e Strumenti, presso il Dipartimento di Architettura, Università degli studi Roma Tre.

Prof. C. Alberto Pratesi, delegato del Rettore per l’area Startup dell’Ateneo e Professore di Marketing, Innovazione e Sostenibilità presso il Dipartimento di Economia Aziendale, Università degli studi Roma Tre.

Prof. Corrado Battisti, Prof. in Ecologia Applicata e Gestione degli Ecosistemi dei Dipartimenti di Ingegneria e di Scienze dell’Università degli studi Roma Tre.

Al termine dei lavori in aula, 40 studenti potranno prenotare la loro presenza per vivere una sessione on field nel pomeriggio in cui potranno sperimentare con mano i temi oggetto del workshop. L’esperienza pratica e diretta sarà organizzata presso l’Oasi WWF di Macchiagrande. La sessione on field consisterà in un’esplorazione dell’area protetta dell’Oasi di Macchiagrande guidata dal Dott. Andrea Rinelli, Direttore dell’Oasi che li coinvolgerà in attività volte al riconoscimento degli habitat, delle specie e i problemi di conservazione ad essi legati. Si tratta di un’occasione che permetterà ai partecipanti di vivere un’esperienza autentica: visitare un’oasi, infatti, non significa solamente osservare con gli occhi, ma utilizzare tutti i nostri sensi e sentirsi parte della natura e comprenderne a pieno il valore. L’Oasi WWF di Macchiagrande ha un’area di 280 ettari e ricade all’interno della Riserva naturale statale Litorale Romano. Con i suoi ambienti di duna sabbiosa litoranea e un bellissimo bosco mediterraneo, l’Oasi WWF di Macchiagrande rappresenta una delle aree protette di maggior valore ambientale del litorale laziale. Il workshop on field in Oasi è riservato ai primi 40 studenti che si registreranno tramite form sulla piattaforma Eventbrite a QUESTO link accessibile dalla news sul sito One Planet School. Sarà possibile seguire il workshop in Università anche da remoto, in live streaming, dalla piattaforma di educazione permanente One Planet School di WWF Italia. La piattaforma One Planet School ospiterà l’intero percorso formativo Ri-Party-Amo e sarà reso disponibile per tutti da ottobre 2022. Informazioni per la stampa…

WWF Italia – Ufficio Stampa |mail ufficiostampa@wwf.it – Antonio Barone, Responsabile comunicazione |mail a.barone@wwf.it – Giulia Ciarlariello |Press Office |mail g.ciarlariello@wwf.it | tel. +39334 6151811.

Intesa Sanpaolo – Media Relations Banca dei Territori e Media Locali – stampa@intesasanpaolo.com –

https://group.intesasanpaolo.com/it/sala-stampa/news.

Ufficio Stampa GoigestGoigest@goigest.com.

Read Full Post »

Gli studenti del Liceo Brera di Milano hanno esposto i risultati del progetto e i lavori artistici realizzati per la fruizione digitale dell’oasi WWF Bosco di Vanzago. Roma, 31 maggio 2022

Il progetto Ambitour https://www.wwf.it/cosa-facciamo/progetti/ambitour/.

Cartella – https://www.dropbox.com/sh/z3fx6tfw5q03b17/AAD-MFP1_StNjT__EINriT9sa?dl=0.

Dopo due anni, sta per volgere al termine il progetto Ambitour, sviluppato dalla Fondazione WWF e dall’Università degli Studi di Milano- Bicocca con il Liceo Artistico Brera e finanziato dalla Fondazione Cariplo, con l’obiettivo di valorizzare ed innovare l’Oasi WWF Bosco di Vanzago, attualmente priva di strumenti digitali a supporto delle visite. Lo scorso martedì 17 maggio, nella sede WWF di Milano in via Tommaso de Cazzaniga, è stato illustrato il progetto nelle sue diverse fasi e gli studenti del Liceo Artistico Brera hanno esposto i risultati dei loro lavori ispirati alla natura e realizzati grazie alle osservazioni fatte durante le visite all’oasi. Video multimediali, tavole scientifiche, tele, modellini in 3D, registrazione di suoni: tutto il materiale raccolto e creato confluirà in un’unica piattaforma digitale rinominata  “Rivista” che, costruita secondo diversi percorsi tematici, permetterà ai visitatori dell’oasi di curiosare fra vari contenuti originali, come gli aspetti di flora e fauna locale messi a confronto con i beni del patrimonio artistico-culturale di Regione Lombardia, o l’analisi dei cambiamenti e le trasformazioni del paesaggio urbano di Milano. Il tutto sarà fruibile tramite dei QR code che, posti su delle colonnine posizionate in punti strategici dell’oasi, daranno accesso ad un’ampia gamma di contenuti. Due studentesse hanno affermato: “Il progetto è stato molto interessante perché abbiamo potuto vedere in che modo la natura può trovare spazio anche all’interno della città o nei suoi dintorni. È stato bello mettersi in gioco a livello artistico con varie tecniche e capire in che modo noi possiamo dare qualcosa alla natura intorno a noi e come lei ci può al contrario ridare qualcosa indietro”. La possibilità di vivere un’esperienza di studio a due passi da Milano ma immersi nel verde ha segnato positivamente tutti gli studenti che si sono trovati a tu per tu con animali selvatici che non avevano mai visto: “come il capriolo e la volpe. In città ci si imbatte in piccioni, cani e gatti… A Milano non è così comune poter stare a contatto con la natura, e qui siamo stati felici di poterlo fare”.

Read Full Post »

Read Full Post »

Read Full Post »

CON LE CROCIERE DEL WWF SI DIVENTA PROTAGONISTI DELLA RICERCA SUI CETACEI.

Roma, 27 aprile 2022Foto qui – https://www.dropbox.com/sh/8x57wg39agwjc7w/AABaRgQfVkWbFUjl1bHgY6j3a?dl=0%C3%B9.

Sale a 12 imbarcazioni la flotta del WWF Italia. Nel 2021 biologi e turisti hanno raccolto dati di oltre 100 avvistamenti tra balenottere, delfini, capodogli, zifi, tartarughe e squali. Sono salpate in questi giorni le crociere del WWF – Vele del Panda, il progetto nato nel 2019 focalizzato sulla tutela e salvaguardia della fauna marina che integra l’attività di ricerca e monitoraggio dei cetacei nel Santuario Pelagos organizzato con WWF Travel, Sailsquare e inserito nella Campagna WWF GenerAzioneMare.

Nuove destinazioni. L’obiettivo è quello di raccogliere dati sulla presenza ed il comportamento dei cetacei in alcune aree chiave per la megafauna mediterranea, elementi fondamentali per la loro tutela, coinvolgendo skipper e turisti che veleggiano nel nostro mare.  Quest’anno il progetto vede una grande accelerazione con nuove destinazioni: a Toscana e Liguria si aggiungono le Isole Pontine, le Isole del Golfo di Napoli (Ischia e Procida), la Sardegna, le Isole Eolie, Lampedusa e Pantelleria. L’intento, infatti, è quello di identificare e confermare nuove aree di importanza per l’alimentazione e la riproduzione dei cetacei del Mediterraneo. Oltre al Santuario Pelagos, verranno solcati anche i mari che sovrastano i profondi canyon del sud del Mare Nostrum, dove le correnti favoriscono il fenomeno dell’upwelling e quindi la presenza di fito- e zoo-plancton, alla base della catena trofica. Oltre 70 le date disponibili dalla primavera a tutto il periodo estivo, con la presenza di 15 guide coinvolte e formate dal WWF. WWF Travel è il Tour Operator fondato nel 2017 proprio per realizzare proposte di ecoturismo legate a temi di salvaguardia e conservazione ambientale: nel 2021 Vele del Panda, grazie alla partnership con Sailsquare, la più grande e affermata piattaforma dedicata alla prenotazione di vacanze ed esperienze in barca a vela, è stato potenziato sia come numero di barche coinvolte che come numero di proposte. Le prenotazioni sono in esclusiva sul sito di Sailsquare

La campagna di ricerca 2021. Le 5 imbarcazioni che hanno solcato le acque del Santuario Pelagos nell’estate 2021 hanno permesso di raccogliere numerosi dati sulle specie grazie agli avvistamenti effettuati a bordo: 77 avvistamenti di stenella striata, 31 di tursiope, 6 di zifio, 5 avvistamenti di capodoglio, 4 di balenottera, 31 avvistamenti di tartaruga marina e 2 di squalo. I dati raccolti verranno integrati in un data base che il WWF vuole mettere a disposizione di enti di ricerca e università per lo sviluppo di tesi universitarie e progetti di conservazione. L’intento è anche quello di fornire i dati alle università e alla IUCN – Unione Internazionale per la Conservazione della Natura. Uno dei problemi, infatti, per la tutela dei cetacei è proprio la scarsità, e per alcune specie come lo zifio, il grampo e il globicefalo addirittura l’assenza, di dati su distribuzione, ecologia ed etologia.  

Ricercatori e turisti insieme. A bordo delle Vele del Panda i viaggiatori sono sempre affiancati da un ricercatore e Guida Whale Watching del WWF, per le attività di ricerca scientifica: al piacere di un’esperienza in barca a vela si unisce così una vera e propria attività da ricercatore con attività di monitoraggio e foto-identificazione cetacei. Salendo a bordo di una crociera di ricerca WWF non solo si potrà vivere la magia di avvistare delfini e balene, ma ci si troverà immersi nella conoscenza di questi animali, dei loro comportamenti e delle loro abitudini. Inoltre, a bordo di una crociera di ricerca WWF è possibile fare qualcosa di concreto per il pianeta. Le crociere di ricerca di WWF Travel, prenotabili su  Sailsquare, sono adatte a tutti, famiglie con bambini, coppie, gruppi di amici ma anche persone che viaggiano da sole che vogliono unire la magia di una crociera di ricerca con la voglia di conoscere nuove persone a bordo. Non è necessario avere esperienza di vela, in quanto a bordo ci sarà sempre uno skipper esperto, che oltre a portare la barca sarà molto felice di poter trasmettere la sua passione per la vela ai passeggeri, insegnando i fondamenti, per rendere l’esperienza ancora più ricca.

Read Full Post »

Le associazioni: “Incomprensibile” – Roma, 22 aprile 2022

Il Comune di Siculiana intima la restituzione del Centro di Educazione Ambientale A. Alaimo alle associazioni che ne curano la gestione da circa 10 anni. Le Associazioni Marevivo, Legambiente (alla data odierna non più conduttore) e WWF ITALIA, riunite in Associazione Temporanea di scopo, nel giugno del 2012 hanno avuto la concessione da parte del Consorzio Agrigentino per la Legalità e lo Sviluppo di un immobile confiscato alla criminalità organizzata, con lo scopo di adibirlo a Centro di Educazione Ambientale. Le associazioni sono venute operativamente in possesso dell’immobile solo alla fine del 2013, dopo il completamento di una serie di procedure relative all’effettiva abitabilità dell’immobile. Il centro confiscato, si trova vicinissimo al mare e fin da subito le associazioni hanno operato  per favorirne la fruizione in modo “consapevole”, coinvolgendo sempre l’amministrazione di Siculiana,  promuovendo attività di educazione ambientale, iniziative inerenti i valori della legalità, attività didattiche, culturali e sportive, ma soprattutto progetti e attività per le scuole, ritenute le principali destinatarie dell’importante operazione civica e sociale che si voleva portare avanti nel territorio. Grazie alle opportunità concesse da bandi pubblici, sono state rintracciate delle risorse che nel tempo hanno consentito di gestire al meglio il bene, mettendo sempre a disposizione volontaria le competenze e professionalità che le associazioni avevano portato a patrimonio dell’ATS per il migliore raggiungimento degli obiettivi di gestione dell’immobile e dell’attività a questa connesse. A tal fine il Centro è stato opportunamente allestito per essere disposto a centro conferenze, a mostre permanenti, ad eventi culturali, a laboratori scientifici per le scolaresche.

Dalla data di concessione a oggi costanti e numerose sono state le attività portate avanti, sempre in modo coerente con le disposizioni della concessione. Oggi nel Centro è possibile visitare:

– la mostra permanente sulle tartarughe marine del WWF;

– la mostra permanente di trash art “Marine Litter Art” di Marevivo;

– un laboratorio naturalistico che spiega gli aspetti della biodiversità dell’area protetta di Torre Salsa e più in generale di tutto territorio e che permette, a bambini e adulti di approfondire aspetti del mondo scientifico-naturalistico;

– una mostra di reperti sugli Squali;

– un laboratorio scientifico attrezzato di tecnologie, reperti, strumenti e supporti didattici, finalizzato a ospitare le scuole e svolgere osservazioni e sperimentazioni.

Negli anni il centro è stato anche sede di numerosi eventi culturali, iniziative formative, ma anche di sviluppo di progetti ed eventi di sensibilizzazione sui temi della difesa dell’ambiente e dell’affermazione della legalità, con un rallentamento solo negli ultimi due anni a causa delle restrizioni sanitarie generate dalla pandemia. Il centro in questi anni di gestione ha rappresentato un presidio di affermazione di valori civici e sociali ed è stato un importante riferimento per molte scuole che volevano promuovere iniziative di conoscenza e difesa del territorio. “La richiesta di restituzione ci ha lasciati sorpresi – dichiara Carmen Parisio Di Penta, Direttore Generale di Marevivo Onlus – anche perché la rivendicazione è priva di ogni motivazione, essendo citata solo la scadenza del Consorzio, prevista nel 2020 e la sua mancata proroga, e il ritorno di diritto del bene nella piena e libera disponibilità del Comune di Siculiana. Sarebbe stato nostro desiderio, se non diritto, essere convocati dal Comune per conoscere le ragioni dell’intimazione, tra l’altro effettuata in forma del tutto irrituale.   Siamo consapevoli di aver gestito al meglio il bene, di averne avuto cura e di avere offerto un servizio al territorio ospitando migliaia di studenti, ricercatori e studiosi e promuovendo molteplici altre attività”. “L’ignoranza delle cause della decisione c’inducono a valutare la richiesta come un’iniquità incomprensibile, – ha aggiunto Alessandra Prampolini, Direttore Generale del WWF Italia – Ci dichiariamo disponibili a valutare i progetti che il Comune intende promuovere e, se saranno validi e meritori, ad instaurare una proficua collaborazione. Se così non fosse, metteremo in campo tutte le misure necessarie per affermare il nostro diritto, e quello del territorio, di continuare ad avere un centro di educazione ambientale ed alla legalità, quale espressione di civile impegno e dovere di difesa di un territorio che esprime un’alta valenza naturalistica, che merita di essere diffusa e difesa per un futuro più equo e sostenibile”.

Read Full Post »

Older Posts »